24 ago

Raffreddore ecco come curarlo

 

Raffreddore dai sintomi ai rimedi

 

Il termine Raffreddore o coriza , indica una malattia infettiva altamente contagiosa del tratto respiratorio superiore , causata da vari tipi di virus .

 


Tra i principali troviamo : Rhinovirus , Coronavirus , Adenovirus , Paramixovirus , Reovirus , Coxsackievirus , ECHO virus influenzali , virus parainfluenzali  ( sono simili a quelli dell’influenza 
ma invece di colpire nei mesi invernali , quelli parainfluenzali sono più diffusi tra l’autunno e la primavera ) .

 

 

I virus sono dei microrganismi così piccoli che è necessario un microscopio per poterli vedere , ma sono dei veri e propri esseri viventi capaci di nutrirsi , di crescere di riprodursi e ovviamente anche di causare dei danni al nostro organismo , specialmente se un po indebolito .

 

Il contagio può avvenire per contatto con le goccioline emesse con gli starnuti o i colpi di tosse , oppure per contatto diretto con le secrezioni di una persona infetta ; basta toccare degli oggetti contaminati oppure una stretta di mano con l’ammalato per subire il contagio , da quel momento partirà il periodo di incubazione che varia da 12 a 72 ore .

 

Il virus inizierà adesso il suo attacco verso le cellule delle prime vie respiratorie della nuova vittima per moltiplicarsi , con conseguente infiammazione della mucosa nasale e faringea e abbondante secrezione nasale .

 

Il soggetto comincierà quindi ad accusare rinorrea ( naso che cola ) , starnuti , mal di gola ( faringite ) , mal di testa , arrossamento degli occhi , lacrimazione e a volte anche un po di tosse .

La febbre è rara , ma a volte si sa , possono presentarsi delle complicazioni.

 

Direte in che senso ?

In alcuni casi può capitare che le secrezioni nasali oltre che a gocciolare nell’ipofaringe e a stimolare i recettori della tosse , superino l’epiglottide , una specie di valvola che ha il compito di far entrare ed uscire soltanto l’aria dalla trachea , infatti chiudendosi impedisce il passaggio degli alimenti nel condotto aereo durante la deglutizione .

 

Se questo accade , cioè se le secrezioni superano l’epiglottide , il virus finirà per infettare le cellule della mucosa dei bronchi e della trachea causando un’infiammazione dell’albero bronchiale , più comunemente chiamata bronchite .

 

In questi casi all’ infezione virale fa seguito un’ infezione batterica secondaria .

 

Altre possibili complicanze sono la sinusite ( infiammazione dei seni paranasali ) e l’ otite , un’infiammazione dell’orecchio che può essere evitata se vi soffiate il naso un lato per volta .

 

 


Comunque se avete il raffreddore non preoccupatevi , perchè nella maggioranza dei casi grazie al vostro sistema immunitario , il tutto si risolve in una bolla di sapone , nel giro di pochi giorni !

 

 

COME SI PUO’ CURARE ALLORA IL RAFFREDDORE  ?


Alcuni suggerimenti :

 

- A tutt’oggi nonostante i notevoli progressi in campo medico non esiste un farmaco in grado di distruggere i virus , esiste però uno spray nasale che se usato entro 24 – 48 ore dalla comparsa dei sintomi , agisce incapsulando il virus in un microgel impedendogli così di penetrare nell’organismo .
Il suo nome è Prima Difesa , e può essere usato dai 12 anni in su .

 

- Se ne sentite il bisogno , fatevi prescrivere dal vostro medico curante un farmaco per calmare il mal di gola

 

- Evitate di avere contatti stretti soprattutto con i bambini , dal momento che il decorso per loro potrebbe essere meno lieve

 

- Mettetevi la mano davanti alla bocca quando starnutite ed evitate di stringere la mano ad altre persone o di baciarle , altrimenti rischiate di contagiarle , se insistono peggio per loro li avevate avvertiti

 

- State alla larga dagli antibiotici , sono inutili contro i virus , ne esistono di vari tipi e non vanno presi a casaccio .
Se dovesse presentarsi un’infezione batterica secondaria il vostro medico vi prescriverà l’antibiotico più adatto , se trascurate questo consiglio potreste compromettere la buona riuscita di un’eventuale antibioticoterapia e rischiare di andare incontro ad un’ antibioticoresistenza o per meglio dire i batteri si fortificano e diventano resistenti ai farmaci , questo fenomeno sappiatelo , ha causato la morte di numerose persone , quindi evitate il fai da te .

 

- Rimanete a casa e tenetevi ben coperti per evitare complicazioni

 

- Può risultare utile l’assunzione di una bevanda calda con l’aggiunta di pochissimo alcol ( ad esempio brandy , cognac , ecc … ) che produce vasodilatazione a livello periferico insieme ad un’azione sedativa , tale bevanda potrà alleviare seppur di poco la sintomatologia , ma non aspettatevi grandi cose , la malattia deve fare il suo corso . 

Evitate il latte , il formaggio e i latticini se accusate tosse , poichè in presenza di bronchite renderebbero il muco ( catarro ) più denso . 

 


- La vitamina C può essere utile per prevenire le infezioni perchè rafforza il sistema immunitario , stimolando la produzione di anticorpi . Come ho già detto in altri articoli i kiwi e i peperoni crudi ne sono pieni , ma la trovate anche nei limoni e nelle arance .

 

 

 

 

 

 

Attenzione ! –
quest’articolo a solamente uno scopo informativo , e non vuole sostituirsi al parere del vostro medico curante che conosce la vostra situazione .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© 2019 blogdellasalute

Designed by CIRTEXHOSTING -- Made free by | CIRTEX CORP | FFMPEG HOSTING | HOSTV - VPS HOSTING |